Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

Norma UNI EN 13592, sacchi per la raccolta dei rifiuti domestici

Pubblicata in lingua italiana dalla Commissione Imballaggi la norma UNI EN 13592:2017 "Sacchi di materia plastica per la raccolta dei rifiuti domestici - Tipi, requisiti e metodi di prova".

Manuale di Primo Soccorso sula lavoro e in casa
La sostenibilità intesa anche come rispetto del pianeta e degli ecosistemi naturali dipende anche dai rifiuti e da come vengono differenziati e smaltiti. Ogni rifiuto deve essere smaltito con intelligenza utilizzando il giusto imballaggio per contenerlo, stoccarlo e se possibile riciclarlo.

La Commissione Imballaggi si è occupata del recepimento anche in lingua italiana della norma UNI EN 13592:2017 "Sacchi di materia plastica per la raccolta dei rifiuti domestici - Tipi, requisiti e metodi di prova".

Il documento specifica le caratteristiche generali, i metodi di prova e i requisiti per sacchi, sacchetti e fodere per contenitori, fabbricati da film di materia plastica, utilizzati per la raccolta dei rifiuti domestici o per la raccolta differenziata dei rifiuti domestici, compresa la raccolta di rifiuti biodegradabili per il riciclaggio organico (biodegradazione e compostaggio).

Per gli scopi della norma UNI EN 13592, i sacchi biodegradabili e compostabili, compresi i legacci se presenti, sono quelli conformi alla EN 13432.

Il documento si applica solamente a sacchi, sacchetti e fodere per contenitori per i quali il primo utilizzo è per la raccolta dei rifiuti domestici o la raccolta differenziata dei rifiuti domestici.

Invece, non si applica ai sacchi utilizzati per proteggere i contenitori, che non sono sollevati nelle operazioni di svuotamento e che pertanto non richiedono le stesse caratteristiche meccaniche.

Fonte: UNI