Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

Norma UNI EN 589, GPL combustibile per autotrazione

Pubblicata in lingua italiana dalla CUNA - Commissione tecnica di Unificazione nell'Autoveicolo la norma UNI EN 589:2019 "Combustibili per autotrazione - GPL - Requisiti e metodi di prova".

Devolvi il tuo 5 x mille ad Associazione Ambiente e Lavoro Internazionale ONLUS
Il GPL è considerato in genere come una fonte energetica tra le più pulite, poiché non inquina il suolo, l'acqua e le falde acquifere. Grazie a un basso contenuto di zolfo e a una combustione completa, con modeste quantità di residui, contribuisce a ridurre l'impatto ambientale determinato dall'inquinamento derivante dalla sua combustione, favorendo una migliore qualità dell'aria e una riduzione delle emissioni di gas a effetto serra.

Anche per supportare il consigliabile uso di tale propellente, la normazione produce documenti specifici per questo settore. Grazie alla CUNA - Commissione tecnica di Unificazione nell'Autoveicolo - ente federato UNI è stata da poco recepita anche in lingua italiana la UNI EN 589:2019 "Combustibili per autotrazione - GPL - Requisiti e metodi di prova".

Questo documento specifica i requisiti e i metodi di prova per il gas di petrolio liquefatto (GPL) per autotrazione commercializzato e distribuito. IL GPL è definito come gas liquefatto a bassa pressione composto da uno o più idrocarburi leggeri ai quali sono assegnati i numeri UN 1011, 1075, 1965, 1969 o 1978 e che consiste principalmente di propano, propene, butano, isomeri di butano, buteni con tracce di altri gas idrocarburici.

La norma è applicabile al GPL per autotrazione utilizzato nei veicoli a motore a GPL, progettati per funzionare con GPL per autotrazione.

All’interno del documento si richiama l'attenzione sul rischio di incendio ed esplosione quando si manipola GPL e sul pericolo per la salute che ne deriva per inalazione di quantità eccessive di GPL. Questo gas è un idrocarburo liquido altamente volatile che generalmente è stoccato sotto pressione. Se la pressione viene ridotta, si producono elevati volumi di gas che formano con l'aria miscele infiammabili nell'intervallo tra circa 2% (V IV) e 10% (V/V). La norma inoltre riguarda il campionamento, la manipolazione e l'analisi del GPL. Fiamme libere, attrezzature elettriche non protette e pericoli elettrostatici, sono esempi di fonti di ignizione del GPL che in forma liquida può causare ustioni da freddo sulla pelle. In tal senso si applicano le norme nazionali sulla salute e la sicurezza.

Il GPL è più pesante dell'aria e si accumula nelle cavità. C'è un pericolo di soffocamento quando si inalano alte concentrazioni di GPL.

Fonte: UNI