Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

Norma UNI EN ISO 16093, sicurezza delle macchine utensili

Pubblicata in lingua italiana dalla Commissione Macchine utensili la norma UNI EN ISO 16093:2017 "Macchine utensili - Sicurezza - Segatrici per il taglio dei metalli a freddo".

Devolvi il tuo 5 x mille ad Associazione Ambiente e Lavoro Internazionale ONLUS
In ambito sicurezza delle macchine la Commissione Macchine utensili che è stata di recente recepita anche in lingua italiana la norma UNI EN ISO 16093:2017 "Macchine utensili - Sicurezza - Segatrici per il taglio dei metalli a freddo".

Questo documento specifica tutti i pericoli significativi, le situazioni ed eventi pericolosi significativi per le segatrici, il cui utilizzo previsto principale è il taglio a freddo dei metalli ferrosi e non ferrosi, o di materiali parzialmente metallici lavorati a freddo e nelle condizioni di cattivo uso che sono ragionevolmente prevedibili da parte del fabbricante.

La UNI EN ISO 16093 è applicabile anche alle segatrici fabbricate successivamente alla sua pubblicazione; non include, però, i requisiti e le misure di sicurezza per i pericoli di incendio ed esplosione.

La norma è di particolare interesse per le seguenti parti interessate che rappresentano gli attori del mercato in relazione alla sicurezza del macchinario:
- fabbricanti di macchine (piccole, medie e grandi imprese);
- enti per la salute e la sicurezza (organismi di regolamentazione, di prevenzione di incidenti, di vigilanza del mercato, ecc.).

Altri soggetti possono essere influenzati dal livello di sicurezza del macchinario raggiunto grazie all’applicazione della norma. Vediamoli qui di seguito:
- utilizzatori di macchine/datori di lavoro (piccole, medie e grandi imprese);
- utilizzatori di macchine/dipendenti (per esempio sindacati, organizzazioni per le persone disabili);
- fornitori di servizi, per esempio per la manutenzione (piccole, medie e grandi imprese);
- consumatori (in caso di macchinario destinato all'utilizzo da parte di consumatori).

Fonte: UNI