Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

Norme UNI EN 1335-1, ergonomia di sedie da lavoro per ufficio

Pubblicata in lingua italiana la norma UNI EN 1335-1:2020 “Mobili per ufficio - Sedia da lavoro per ufficio - Parte 1: Dimensioni - Determinazione delle dimensioni”.

Ergonomia è la parola vincente per la salute e il benessere degli individui che lavorano in ufficio. Le condizioni di lavoro richiedono un’attenzione particolare al fine di salvaguardare sempre l’aspetto sanitario in ogni situazione lavorativa. Questo è possibile ad esempio applicando principi ergonomici e principi minimi alle stazioni di lavoro attrezzate con video terminali (VDU) che dovrebbero essere progettate in modo tale da consentire ai diversi utilizzatori di svolgere molteplici mansioni lavorative. Risulta quindi fondamentale definire almeno alcuni dei requisiti fondamentali per una corretta postura di seduta che può essere identificata con i seguenti riferimenti:
- la pianta del piede è appoggiata sul pavimento;
- il piede forma un angolo di circa 90° col polpaccio;
- il polpaccio è approssimativamente in posizione verticale;
- il polpaccio forma un angolo di circa 90° con la coscia;
- la coscia è quasi orizzontale;
- la coscia forma un angolo di circa 90° con il tronco;
- il tronco è eretto.

Tutte queste indicazioni trovano diretto riscontro nella norma UNI EN 1335-1:2020 “Mobili per ufficio - Sedia da lavoro per ufficio - Parte 1: Dimensioni - Determinazione delle dimensioni” da poco recepita anche in lingua italiana grazie ai lavori tecnici della Commissione Mobili.

Questo documento specifica le dimensioni di quattro tipi di sedie da lavoro per ufficio come pure i metodi di prova per la loro determinazione.

Non si applica a sedute per bambini per le quali esiste una norma europea.

Inoltre l’appendice A contiene un razionale per le dimensioni delle sedie da lavoro per ufficio, l’appendice B contiene un esempio per chiarire l’utilizzo di un prospetto interno alla norma, l’appendice C contiene proposte di dimensioni per poggiatesta e per concludere l’appendice D contiene l’incertezza di misurazione.

Lo scopo di una seduta ben progettata è quello di fornire un supporto stabile che consenta il movimento, la comodità e lo svolgimento delle mansioni. Oltre al tema del lavoro e della progettazione di altri elementi di arredo, la progettazione della seduta gioca un ruolo importante nell'incoraggiare il movimento. Pertanto, la progettazione della seduta dovrebbe consentire frequenti variazioni posturali da parte dell'utilizzatore per evitare la tensione muscolare e problemi circolatori.

All’interno della norma viene citata la ISO 24496:2017 Office furniture - Office chairs - Methods for the determination of dimensions come riferimento normativo.

Fonte: UNI