Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

PFAS: la situazione in Veneto, gli studi negli USA e la valutazione EFSA sui rischi per la salute legati alla presenza negli alimenti

I PFAS sono composti che, a partire dagli anni Cinquanta, sono stati utilizzati in tutto il mondo per rendere resistenti ai grassi e all’acqua i tessuti, la carta, i rivestimenti per contenitori di alimenti, detergenti per la casa. Nel 2006 l’Unione Europea ha introdotto restrizioni all’uso del PFOS, una delle molecole più diffuse tra i PFAS, da applicarsi a cura degli Stati membri.

Devolvi il tuo 5 x mille ad Associazione Ambiente e Lavoro Internazionale ONLUS
Ammonta a 136,8 milioni di euro il danno ambientale causato in tre province della regione, questa la cifra resa nota dal ministro Costa nel corso di un’audizione in Commissione Ecomafie il 31 gennaio e quantificata da Ispra. Il danno è stato provocato nelle province di Vicenza, Verona e Padova. Non si escludono effetti nella zona di Rovigo, dove sono stati registrati episodi di contaminazione, ma per ora la provincia non è stata considerata.
Il “caso Pfas” in Veneto è scoppiato in Veneto nel 2013 a causa di una ricerca sperimentale condotta dal CNR e dal Ministero dell’Ambiente su potenziali inquinanti “emergenti”. Le analisi effettuate nel bacino del Po e nei principali fiumi italiani hanno segnalato la presenza di sostanze perfluoro alchiliche (PFAS) in acque sotterranee, superficiali e potabili. Arpa Veneto si è attivata prontamente nella regione, in particolare nella provincia di Vicenza dove era stata individuata dall’Agenzia una significativa area di contaminazione. L’intervento tempestivo ha permiesso alle autorità regionali di mettere in sicurezza l’acqua potabile della zona interessata, tramite l’utilizzo di filtri a carboni attivi.
Sul sito dell’Arpa Veneto sono disponibili gli aggiornamenti del monitoraggio condotto dall’Agenzia nella regione.

In una recente audizione davanti alle Commissioni emergenza e sicurezza interna del Senato USA la direttrice del National Institute of Environmental Health Sciences (NIEHS), una delle agenzie federali che più attivamente si è occupata di ricerche scientifiche legate all’inquinamento da PFAS, ha fatto il punto sugli studi condotti negli ultimi 30 anni negli Stati Uniti. Evidenziati i possibili effetti sulla salute umana: disturbi neurocomportamentali e cognitivi soprattutto in età pediatrica, disfunzioni del sistema immunitario, interferenze col sistema endocrino (obesità, infertilità e dismetabolismo dei lipidi) e cancro.

La Commissione europea ha chiesto all’EFSA una valutazione scientifica sui rischi per la salute umana legati alla presenza di PFAS negli alimenti. L’Autorità ha al momento rilasciato un primo parere scientifico riguardante i principali PFAS: perfluorottano sulfonato (PFOS) e acido perfluoroottanoico (PFOA). Le conclusioni dell’EFSA hanno quindi carattere provvisorio e verranno riviste durante il completamento della seconda parte dello studio, che si concentrerà sulla valutazione dei rimanenti PFAS e sui possibili rischi per la salute umana provenienti da queste sostanze.

Fonte: SNPA