Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

Piano nazionale per la ricarica dei veicoli alimentati ad energia elettrica, firmato il decreto

Il decreto ministeriale garantirà corretta diffusione delle colonnine sul territorio

Manuale di Primo Soccorso sula lavoro e in casa
Le infrastrutture di ricarica per i veicoli elettrici hanno finalmente un 'piano nazionale' con cui verranno definite le linee guida per garantire uno sviluppo unitario del servizio a disposizione di chi si muove con auto o mezzi commerciali elettrici. Un decreto ministeriale, firmato dal ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Maurizio Lupi, ha infatti approvato - ai sensi del comma 1, Art. 17 septies della Legge n. 134 del 7 agosto 2012 - il 'Piano nazionale infrastrutturale per la ricarica dei veicoli alimentati ad energia elettrica'.

Questo piano s'inserisce nel ''progetto per la realizzazione di reti infrastrutturali per la ricarica dei veicoli elettrici nonché interventi di recupero del patrimonio edilizio finalizzati allo sviluppo delle medesime reti'' e definisce le linee guida ''per garantire lo sviluppo unitario del servizio di ricarica sul territorio nazionale, sulla base di criteri oggettivi che tengono conto dell'effettivo fabbisogno presente nelle diverse realtà, valutato sulla base di alcuni criteri: congestione del traffico privato, criticità dell'inquinamento atmosferico e sviluppo della rete stradale urbana ed extraurbana e di quella autostradale''.

Il Piano Nazionale è il risultato di una serie d'incontri con i principali attori nazionali nel settore della mobilità elettrica, del confronto con la Commissione Europea sulla base della Clean Fuel Strategy' e della consultazione pubblica (10 aprile - 10 maggio 2013) a cui hanno partecipato diversi stakeholder del settore tra i quali Renault Italia, Terna rete Italia, Piaggio & C, Mitsubishi Motors Automobili Italia, Poste Italiane, Enel, Toyota Motor Italia, Regione Emilia Romagna, Regione Lombardia e Unindustr
Fonte: ANSA