Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

Progetto "Dall’inchiesta alla storia: costruzione di un repertorio di storie di infortunio sul lavoro"

Il progetto è frutto della collaborazione del Centro di documentazione per la Salute del Piemonte DoRS, del Servizio di Epidemiologia dell’ASL TO3 e degli operatori dei Servizi di Prevenzione e sicurezza negli ambienti di Lavoro del Piemonte.

Manuale di Primo Soccorso sula lavoro e in casa
L’obiettivo del progetto "Dall’inchiesta alla storia: costruzione di un repertorio di storie di infortunio sul lavoro" è quello di creare una raccolta di storie di infortunio a partire dalle indagini degli operatori dei Servizi di Prevenzione e sicurezza negli ambienti di Lavoro del Piemonte, valorizzandone la struttura narrativa con inserti di testimonianze dirette, fotografie e filmati.

Il progetto è frutto della collaborazione del Centro di documentazione per la Salute del Piemonte Dors, del Servizio di Epidemiologia dell’ASL TO3 e degli operatori dei Servizi di Prevenzione e sicurezza negli ambienti di Lavoro del Piemonte.

Il repertorio delle storie viene inteso come raccolta di “casi studio” da utilizzare nel corso di attività formative e come materiale per lo scambio di esperienze e soluzioni. Le storie d'infortunio sono state scritte dagli operatori dei Servizi PreSAL delle ASL piemontesi a partire dalle inchieste di infortunio, con la convinzione che conoscere come e perché è accaduto sia una condizione indispensabile per proporre soluzioni efficaci per la prevenzione.
Sono presentate mediante un sommario con i particolari salienti dell’incidente, collegato a una descrizione più dettagliata resa in forma chiara.

A oggi le storie di infortunio raccolte sono ventiquattro ma altre verranno successivamente pubblicate sul sito DoRS.
Fonte: DoRS