Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

Pubblicata dal Ministero della salute la Relazione sul Piano OGM con i dati 2018

Il Ministero della salute ha pubblicato il "Piano nazionale di controllo ufficiale sulla presenza di organismi geneticamente modificati negli alimenti" con i risultati relativi all'anno 2018, anno in cui si conclude il quadriennio di programmazione 2015-2018. La pianificazione è stata prorogata anche per il 2019.

Devolvi il tuo 5 x mille ad Associazione Ambiente e Lavoro Internazionale ONLUS
Piano nazionale di controllo ufficiale sulla presenza di organismi geneticamente modificati negli alimenti - risultati anno 2018
a cura di Ministero della salute

Con il 2018 si conclude il quadriennio di programmazione del PIANO NAZIONALE DI CONTROLLO UFFICIALE SULLA PRESENZA DI ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI
NEGLI ALIMENTI stabilito per gli anni 2015-2018.
Il Piano nazionale nasce dalla collaborazione tra il Ministero della salute, il Centro di referenza nazionale per la ricerca degli OGM (CROGM) e l’Istituto Superiore di Sanità al fine di facilitare la programmazione e il coordinamento delle attività di controllo svolte dalle Autorità sanitarie regionali e provinciali.
Il Piano nazionale, che definisce ruoli ed obiettivi per tutti i soggetti coinvolti, individua
le principali matrici alimentari da sottoporre al controllo e i criteri a cui ogni Regione e
Provincia autonoma devono conformarsi per l’adozione di un Piano regionale di controllo
ufficiale sul proprio territorio.
In considerazione dell’importanza del controllo all’importazione nel settore OGM,
anche gli Uffici di frontiera del Ministero della salute, USMAF, ogni anno contribuiscono
all’attività di controllo con campioni prelevati secondo le indicazioni fornite nel Piano
nazionale.
I soggetti coinvolti nell’attuazione del Piano nazionale sono:
- le Regioni e alle Province Autonome di Trento e Bolzano per la programmazione e il coordinamento delle attività di vigilanza e controllo sul territorio regionale di competenza;
- le ASL per l’espletamento delle attività di vigilanza e controllo;
- gli USMAF (Uffici di sanità marittima, aerea e di frontiera del Ministero della salute) per le attività di controllo sui prodotti di origine non animale destinati all’alimentazione umana, presentati all’importazione;
- gli IIZZSS, le ARPA, le ASL designati dalle Autorità competenti per effettuare le analisi di laboratorio, facenti parte del Network Italiano dei laboratori OGM (NILO);
- il CROGM, presso l’IZS del Lazio e Toscana, che opera in qualità di Laboratorio Nazionale di riferimento ai sensi del regolamento (CE) n. 882/2004;
- l’Istituto Superiore di Sanità per le revisioni di analisi su campioni di alimenti non conformi.
Come per gli anni passati, i risultati dei controlli ufficiali, previa validazione con accesso al Cruscotto Reportistica Sanitaria (CRS) da parte delle competenti autorità regionali/provinciali, sono elaborati dal CROGM che gestisce il database nazionale in cui sono inseriti i dati relativi all’attività analitica svolta dai laboratori del controllo ufficiale e
oggetto della presente relazione predisposta dal Ministero della salute.