Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

Pubblicato l’annuale report statistico sul mercato eolico globale del Global Wind Energy Council

Il Global Wind Energy Council ha pubblicato l’annuale report statistico sul mercato eolico globale che descrive un’industria eolica matura e in crescita, in positiva competizione con le tecnologie tradizionali. Lo scenario di sviluppo del settore eolico vede purtroppo l’Italia ancora ai margini.

Dossier 114
Il Global Wind Energy Council (GWEC) ha lanciato il suo report statistico annuale sul mercato eolico globale. Emerge che nel 2017 il settore eolico si è attestato sui 50 GW, con ai vertici Europa, India e settore offshore, per i quali è stato un anno record. Le installazioni in Cina sono invece scese con “solo” 19.5 GW, ma nel resto del mondo si è registrata una crescita che ha compensato questo leggero calo nel mercato cinese. Il totale delle installazioni nel 2017 è stato di 52,573 MW, che ha portato il totale dell’installato a 539,581 MW.

L’Europa ha avuto il suo miglior anno di sempre, guidata dalla Germania con oltre 6 GW, un risultato molto importante si è avuto nel Regno Unito e una ripresa ha caratterizzato il mercato francese. Anche la Finlandia, il Belgio, l’Irlanda e la Croazia hanno stabilito nuovi record. Sono in cantiere installazioni offshore pari ad oltre 3.000 MW.

Lo studio del GWEC descrive un’industria eolica matura che sta crescendo, in transizione verso un sistema basato sul mercato, in una competizione positiva con le tecnologie tradizionali e fortemente sovvenzionate, oltre ad essere la fonte maggiormente competitiva in termini di prezzi.

Seppure il report descrive uno scenario roseo dal punto di vista globale per lo sviluppo del settore eolico, l’Italia resta purtroppo ai margini. Il ritardo nell’attuazione dei Decreti attuativi per le fonti rinnovabili non FV, che dovrebbe regolare il settore per gli anni 2017–2020, sta portando all’industria italiana dell’eolico gravi conseguenze, con ripercussioni anche sull’occupazione e sul raggiungimento degli obiettivi di riduzione della CO2.

L’ANEV invita quindi le Istituzioni deputate a decidere sul futuro del settore eolico e delle rinnovabili a far sì che l’Italia possa competere con gli altri Paesi del Mondo, dove i livelli raggiunti sono importanti e dove si punta ad un’economia “green”per il futuro del Pianeta e delle generazioni a venire.

Fonte: ANEV