Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

Rapporto tecnico UNI/TR 11775, linee guida per le diagnosi energetiche degli edifici

Pubblicato dal CTI – Comitato Termotecnico Italiano il Rapporto tecnico UNI/TR 11775:2020 “Diagnosi Energetiche – Linee guida per le diagnosi energetiche degli edifici”.

Dossier Ambiente n. 123
Il risparmio energetico in edilizia è la frontiera del settore per essere sostenibilità e innovazione. Il CTI – Comitato Termotecnico Italiano, ente federato UNI, ha realizzato il Rapporto tecnico UNI/TR 11775:2020 “Diagnosi Energetiche – Linee guida per le diagnosi energetiche degli edifici”.

Il documento costituisce una linea guida per l’applicazione della UNI CEI EN 16247-2 e per l’esecuzione delle diagnosi energetiche degli edifici (ad uso residenziale, terziario o altri assimilabili).

Fornisce, inoltre, indicazioni e modalità operative per:
-la raccolta e l’analisi delle spese energetiche;
- la raccolta e l’analisi delle documentazioni tecniche disponibili e la definizione dei controlli e delle verifiche edili e impiantistiche;
- la definizione dei fattori di aggiustamento dei consumi fatturati;
- l’analisi dei servizi energetici;
- la costruzione dell’inventario energetico;
- il calcolo degli indicatori di prestazione energetica;
- l’individuazione di azioni di miglioramento dell’efficienza energetica;
- l’analisi costi-benefici;
- la valutazione della priorità degli interventi.

L’UNI/TR 11775 prende in considerazione i servizi energetici dell’edificio che sono atti a garantire il benessere degli occupanti e la fruizione dello stesso da parte degli utilizzatori. Sono considerati i servizi di: climatizzazione invernale, climatizzazione estiva, produzione di acqua calda sanitaria, ventilazione, illuminazione e trasporto interno.

In relazione a particolari tipologie di edificio, possono essere analizzati altri servizi energetici quali, per esempio, la cottura di alimenti, gli elettrodomestici e le altre apparecchiature elettriche/elettroniche. Tali consumi saranno considerati nell’analisi ma non saranno oggetto di proposte di efficientamento energetico. Specifici usi energetici legati ad una particolare attività di tipo produttivo/manifatturiero o di trasporto/logistico devono essere intesi come usi di processo o di trasporto e pertanto si rimanda alle linee guida sulle diagnosi energetiche per tali settori attraverso l’applicazione di questo rapporto tecnico.

Nel documento sono citati i seguenti riferimenti normativi:
- UNI 10349-1 Riscaldamento e raffrescamento degli edifici - Dati climatici - Parte 1: Medie mensili per la valutazione della prestazione termo-energetica dell'edificio e metodi per ripartire l'irradianza solare nella frazione diretta e diffusa e per calcolare l'irradianza solare su di una superficie inclinata;
- UNI/TS 11300-1 Prestazioni energetiche degli edifici - Parte 1: Determinazione del fabbisogno di energia termica dell'edificio per la climatizzazione estiva ed invernale;
- UNI EN 15459-1 Prestazione energetica degli edifici - Sistemi di riscaldamento e sistemi di raffrescamento idronici negli edifici - Parte 1: Procedura di valutazione economica per i sistemi energetici negli edifici, Modulo M1-14;
- UNI EN ISO 52016-1 Prestazione energetica degli edifici - Fabbisogni energetici per riscaldamento e raffrescamento, temperature interne e carichi termici sensibili e latenti - Parte 1: Procedure di calcolo;
- UNI CEI EN 16247-1 Diagnosi energetiche - Parte 1: Requisiti generali;
- UNI CEI EN 16247-2 Diagnosi energetiche - Parte 2: Edifici.

Fonte: UNI