Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

Riduzione delle microplastiche primarie, la proposta definitiva dell'ECHA dovrebbe essere presentata a giugno

La versione definitiva di proposta di restrizione per le microplastiche primarie, voluta dalla Commissione EU, elaborata dall'Echa, dovrebbe essere presentata nel giugno 2020. Le microplastiche sono piccole frazioni plastiche di dimensioni inferiori a 5 millimetri che hanno iniziato ad accumularsi nei mari a partire dagli anni '60 e che ora sono presenti anche nell'acqua potabile e nell'aria.

Devolvi il tuo 5 x mille ad Associazione Ambiente e Lavoro Internazionale ONLUS
La Commissione dell'Unione Europea ha chiesto all'Echa (Agenzia europea per le sostanze chimiche) di valutare i dati scientifici sulle microplastiche con la finalità di presentare una proposta per la riduzione delle microplastiche primarie.

Le microplastiche, infatti, si distinguono in primarie e secondarie; le prime sono quei piccoli e piccolissimi frammenti plastici che nascono come tali, sono utilizzati, in genere, nel make-up, nei prodotti per la cura della persona e della casa, ma anche in vernici o paste abrasive o fertilizzanti. Le seconde, invece, sono il risultato dell'attività di degradazione della plastica, come bottiglie, contenitori per il cibo e molto altro ancora e costituiscono la quota più grande delle microplastiche disperse nell'ambiente.

A partire dal gennaio 2018, l'Echa è impegnata nella costruzione di un'ipotesi di restrizione all'immissione sul mercato o all'uso di particelle in microplastica aggiunte intenzionalmente nei prodotti presenti nel mercato UE. Nel 2019, la proposta di restrizione ha preso forma, questa garantirebbe una riduzione del rilascio di microplastiche nell'ambiente, che la stessa Agenzia per le sostanze chimiche quantifica in 400.000 tonnellate nell'arco dei 20 anni successivi alla sua stessa introduzione.

Negli ultimi anni alcuni paesi, tra cui l'Italia, hanno già introdotto il divieto di mettere in commercio prodotti per la pulizia e la cura della persona a cui sono state aggiunte microplastiche e alle iniziative degli Stati si sono aggiunte quelle di alcune imprese, che operano nel settore della cosmesi che hanno volontariamente sostituito le microplastiche esfolianti con valide alternative.

La proposta dell'Echa è stata assoggettata a consultazione per sei mesi, nel 2019, durante i quali sono state presentate 447 osservazioni. Al momento la proposta di restrizione, insieme alle osservazioni pervenute nel corso della consultazione, sono al vaglio del Comitato per la valutazione dei rischi (RAC) e del Comitato per l'analisi socio-economica (SEAC). Questi comitati forniranno la loro posizione sulla questione entro il giugno 2020.

Una volta acquisiti i pareri dei comitati sopra richiamati, l'Echa trasmetterà la sua proposta di restrizione definitiva alla Commissione Europea, che preparerà una proposta di modifica dell'allegato XVII del Regolamento Reach.

Purtroppo questa proposta di restrizione prende in esame solo le microplastiche primarie, non prendendo in alcun modo in considerazione le microplastiche secondarie, che sono quelle che impattano maggiormente sull'ambiente, come quelle derivanti dall'abrasione delle gomme di auto, camion e biciclette, che pare che incidano per il 60% sul totale o le suole delle scarpe che si stima coprano una quota del 7% sul totale.

In conclusione, se il complesso iter di approvazione rispetterà il crono-programma previsto dall'Echa, senza subire rallentamenti o addirittura battute d'arresto, gli interessi economici in gioco risultano molteplici e fortemente impattanti su diversi comparti produttivi, la restrizione sarà adottata nel 2022.

Fonte: ARPAT