Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

Salute e sicurezza sul lavoro, al via la consultazione pubblica del Ministro del lavoro e delle politiche sociali

A oltre dieci anni dall'entrata in vigore del Testo Unico in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro il Ministero del lavoro promuovee una consultazione pubblica per fissare nuovi traguardi e dare piena attuazione al diritto alla sicurezza e alla salute nei luoghi di lavoro.

Devolvi il tuo 5 x mille ad Associazione Ambiente e Lavoro Internazionale ONLUS
A oltre dieci anni dall'entrata in vigore del D.Lgs. 81/2008, è giunto il momento di tracciare un primo bilancio e porsi dei nuovi traguardi anche per dare piena attuazione al diritto alla sicurezza e alla salute nei luoghi di lavoro.

"L'obiettivo della sicurezza sul lavoro è una delle priorità del Governo che intendiamo perseguire sia attraverso un rafforzamento dell'attività di vigilanza, sia mediante il potenziamento della formazione e della prevenzione. A tal fine, parte oggi, sul sito istituzionale del Ministero, una consultazione pubblica che consentirà a tutti di dare un contributo e, finalmente, far diventare la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro il punto centrale della nostra politica e degli investimenti futuri" dichiara il Ministro del lavoro e delle politiche sociali, Nunzia Catalfo.

Il dialogo è aperto agli stakeholder che intendono dare il proprio apporto su un tema fondamentale per il futuro del nostro Paese. È possibile partecipare al processo di elaborazione inviando online il proprio contributo: nuove idee, spunti di approfondimento e riflessioni sulla cornice normativa attuale e futura che siano in grado di fornire risposte concrete a tutte le categorie dei lavoratori.

Parallelamente al confronto già avviato con le Parti Sociali, la consultazione si rivolge quindi ai diversi stakeholders per raccogliere indicazioni, proposte ed esperienze che possano contribuire ad individuare le priorità dell'azione di Governo.

La consultazione rimarrà aperta fino al 31 gennaio 2020.