Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

Secondo un briefing dell'EEA la produzione elettrica da rinnovabili ha ridotto significativamente gli impatti ambientali in UE

Il briefing “EU renewable electricity has reduced environmental pressures; targeted actions help further reduce impacts” recentemente pubblicato dall’Agenzia Europea dell’Ambiente afferma che la produzione elettrica da rinnovabili nell'UE dal 2005 ha ridotto significativamente gli impatti ambientali, dai cambiamenti climatici, all'acidificazione, all'eutrofizzazione e alla formazione di particolato.

Bisogna investire in una ripresa verde per riavviare l'economia, il Green Deal europeo pone la mitigazione del cambiamento climatico al centro degli sforzi per una ripresa sostenibile dalla crisi determinata dal COVID-19. L'elettricità rinnovabile potrebbe aumentare fino al 70% di tutta la produzione di energia entro il 2030 per consentire una riduzione netta del 55% delle emissioni di gas a effetto serra entro il 2050 ma nonostante i molteplici benefici associati alla riduzione dell'uso di combustibili fossili, anche l'aumento della fornitura di energia rinnovabile non è priva di impatto. Sono state espresse preoccupazioni sul fatto che l'elettricità rinnovabile possa spostare gli oneri ambientali senza abbassare significativamente no le pressioni generali. Il briefing dell'EEA “EU renewable electricity has reduced environmental pressures; targeted actions help further reduce impacts” esamina il fenomeno.

Nel 2019, la quota di energia rinnovabile a livello dell'UE era inferiore di meno di mezzo punto percentuale all'obiettivo vincolante del 20% per il 2020 (EEA, 2020a, 2020d, Eurostat 2021). Con il 34% di tutta la produzione di elettricità, l'elettricità rinnovabile è quasi raddoppiata dal 2005 e il carbone non fornisce più la maggior parte dell'elettricità dell'UE. Tuttavia, i combustibili fossili producono ancora la maggior parte dell'elettricità complessivamente (38% di tutta la generazione nel 2019). Con gli impianti basati sulla combustione che dominano il mix energetico, il settore elettrico dell'UE dà luogo a quasi un quarto di tutte le emissioni di gas serra dell'UE.

Offrendo il potenziale per una rapida espansione, l'elettricità rinnovabile svolge un ruolo di primo piano nella strategia di decarbonizzazione dell'Europa (CE, 2020a, 2020b, 2020d). Ad eccezione della biomassa e della frazione biodegradabile dei rifiuti, le fonti di energia rinnovabile hanno emissioni trascurabili durante la generazione. Ma, anche così, aumentare la fornitura di energia rinnovabile non è esente da impatto, perché la costruzione di componenti e impianti per la generazione di energia rinnovabile richiede sia materiale che energia. Ciò porta a emissioni e impatti specifici a monte e a valle, mentre le nuove infrastrutture possono influenzare gli habitat vulnerabili.

Andando oltre la mitigazione del clima, è stata condotta un'analisi dettagliata del ciclo di vita per calcolare i cambiamenti globali negli impatti ambientali complessivi associati alle tendenze nel mix energetico dell'UE tra il 2005 e il 2018, soprattutto in considerazione del passaggio a quote crescenti di generazione di elettricità rinnovabile. L'obiettivo era stimare come fossero cambiati i principali impatti ambientali entro il 2018, grazie all'aumento delle fonti rinnovabili nella fornitura di elettricità in tutta l'UE, rispetto all'anno di riferimento 2005.

La piena attuazione dei piani nazionali per il clima e l'energia per il 2030 consentirebbe all'UE di superare i suoi attuali obiettivi in ​​materia di clima e energie rinnovabili per il 2030 (CE, 2020c; EEA, 2020d). Tali sviluppi, tuttavia, sarebbero ancora insufficienti per l'UE per raggiungere un obiettivo più elevato di riduzione delle emissioni di gas serra, del 55% entro il 2030, o per raggiungere la neutralità climatica entro il 2050 (CE, 2020d).

Per rispettare questi impegni più elevati, l'energia rinnovabile dovrebbe crescere fino a quasi il 70% di tutta la generazione dell'UE entro il 2030 e oltre l'80% entro il 2050 (CE, 2020a; EEA, 2020c), consentendo ai settori più difficili da decarbonizzare di ridurre le proprie emissioni attraverso l'elettrificazione.

Il briefing si basa sui rapporti: "Una prospettiva del ciclo di vita sui vantaggi della generazione di elettricità rinnovabile" e "Energia rinnovabile in Europa 2020: crescita recente ed effetti a catena".

Fonte: EEA