Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

Sei anni fa l’addio a Rino Pavanello

Oggi, domenica 26 aprile 2020, ricordiamo i sei anni dalla scomparsa di Rino Pavanello, storico fondatore e segretario nazionale di Associazione Ambiente e Lavoro.

Rino Pavanello
Rino Pavanello è stato un interprete vero e appassionato della tutela della salute e della sicurezza negli ambienti di vita e di lavoro e della difesa dell'ambiente. Oggi il pensiero corre anche al suo profondo impegno sociale, poichè il sesto anniversario della sua scomparsa coincide con un periodo piuttosto buio per l'emergenza con cui dobbiamo convivere.

Le difficoltà riscontrate nella gestione di questa situazione drammatica riportano alla mente le battaglie sostenute da Rino per lo sviluppo della cultura della prevenzione e per la costruzione di un sistema efficace per prevenire e affrontare con strumenti adeguati le nuove sfide ambientali e sanitarie.
Le battaglie di Rino contro le scelte politiche che hanno penalizzato la prevenzione ritornano alla mente proprio quando i sistemi sanitari hanno messo in evidenza la loro fragilità.

Quello di Rino era anche un impegno fattivo, infatti la sua infinita generosità nel farsi carico dei problemi di tutti, lo aveva portato, nel poco tempo libero disponibile, ad assistere personalmente gli anziani ricoverati presso la struttura Golgi-Redaelli di Milano e per loro e i loro parenti aveva costituito un Comitato che si interfacciava con la dirigenza per segnalare ogni sorta di necessità e criticità. Mai come in questi giorni, vediamo come le problematiche legate proprio a questo tipo di strutture siano tristemente al centro delle notizie di cronaca.

Come Associazione Ambiente e Lavoro, in continuità con l'idea di Rino, continueremo ad agire con proposte per migliorare la tutela della salute per tutti.

Norberto Canciani e Wolfango Pirelli