Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

Settimana mondiale di sensibilizzazione sugli antibiotici

Nella Settimana mondiale di sensibilizzazione sugli antibiotici (13/19 novembre 2017), l'Organizzazione delle nazioni unite per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO), l'Organizzazione mondiale per la salute animale (OIE) e l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) lanciano insieme un appello per un uso responsabile degli antibiotici.

In occasione della Settimana Mondiale di sensibilizzazione sugli antibiotici (13-19 novembre 2017), la FAO, l'Organizzazione mondiale per la salute animale (OIE) e l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) insieme lanciano un appello per un uso responsabile degli antibiotici negli esseri umani e negli animali, per ridurre l'emergere di una crescente resistenza ad essi.

La resistenza agli antibiotici è salita a livelli pericolosamente elevati in tutte le parti del mondo e minaccia la capacità di trattare comuni malattie infettive (tra cui la polmonite, la tubercolosi, la gonorrea e l'avvelenamento del sangue). Le infezioni che colpiscono le persone e gli animali stanno diventando sempre più difficili, e talvolta impossibili, da trattare da quando gli antibiotici sono meno efficaci.

Gli antibiotici sono spesso sovra-prescritti da medici e veterinari e abusati dal pubblico. Dove possono essere acquistati per uso umano o animale senza prescrizione, l'emergere e la diffusione della resistenza ad essi è peggiorata. Esempi di un uso improprio comprendono l'assunzione di antibiotici per infezioni virali come raffreddori e influenza, e il loro impiego come promotori di crescita animale in aziende agricole o nell'acquacoltura.

Per affrontare questi problemi, la FAO, l'OIE e l'OMS stanno facendo leva sulle loro competenze e collaborando con un approccio "One Health" (un'unica salute, umana e animale N.d.T.) volto a promuovere le migliori pratiche per ridurre l'emergere e la diffusione di microbi resistenti agli antibiotici sia negli esseri umani che negli animali.

"La resistenza agli antibiotici è una crisi globale che non possiamo ignorare", ha affermato il dottor Tedros Adhanom Ghebreyesus, Direttore Generale dell'OMS. "Se non affrontiamo questa minaccia con azioni forti e coordinate, la resistenza antimicrobica ci riporterà indietro, a quando le persone temevano infezioni comuni e rischiavano la vita a seguito di piccoli interventi chirurgici".

"L'uso eccessivo di antimicrobici ne compromette l'efficacia e dobbiamo ridurne l'uso improprio nei sistemi alimentari", ha affermato José Graziano da Silva, Direttore Generale della FAO. "I medicinali veterinari antimicrobici sono uno strumento cruciale per la salute e il benessere degli animali e la produzione di alimenti sicuri, ma non sono affatto l'unico strumento che abbiamo a disposizione".

"Come nella salute umana, la medicina veterinaria ha fatto enormi passi avanti grazie agli antibiotici. La conservazione della loro efficacia e disponibilità attraverso un loro uso responsabile associato a buone pratiche di allevamento e di prevenzione è quindi essenziale per preservare la salute e il benessere degli animali", ha sottolineato la dottoressa Monique Eloit, Direttrice Generale dell'OIE.

Fonte: FAO