Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

Seveso III, pubblicata dal Ministero dell'Ambiente la risposta al quesito sull'assoggettabilità al D.lgs.105/2015 per le attività di magazzinaggio connesse al trasporto

Il Ministero dell’Ambiente ha pubblicato sul proprio sito web la risposta al quesito n.13/2017, elaborata a seguito della riunione del Coordinamento nazionale del 26 giugno 2017, in merito all'assoggettabilità al D.lgs.105/2015 per le attività di magazzinaggio connesse al trasporto.

Il Ministero dell’Ambiente ha pubblicato sul proprio sito web la risposta al quesito n.13/2017, elaborato a seguito della riunione del Coordinamento nazionale del 26 giugno 2017, in merito
all'assoggettabilità al D.lgs.105/2015 per le attività di magazzinaggio connesse al trasporto.

Si ricorda che è stato istituito presso il Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare (MATTM) il Coordinamento per l’uniforme applicazione sul territorio nazionale, previsto dall’articolo 11 del decreto legislativo 26 giugno 2015, n. 105. Il Coordinamento è composto da rappresentanti del MATTM, del Dipartimento di protezione civile presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, del Ministero dell’interno, delle infrastrutture e trasporti, dello sviluppo economico, della salute, delle regioni e province autonome, dell’Associazione nazionale comuni d’Italia (ANCI). Partecipano, inoltre, al Coordinamento rappresentanti del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, dell’INAIL, dell’Istituto superiore di sanità nonché, in rappresentanza del Sistema nazionale per la protezione ambientale, esperti dell’ISPRA e, su indicazione della regione o provincia autonoma di appartenenza, delle agenzie regionali e provinciali per la protezione dell'ambiente. Il Coordinamento opera attraverso l'indizione di riunioni periodiche e la creazione di una rete di referenti per lo scambio di dati e di informazioni.

Il Coordinamento assicura, anche mediante gruppi di lavoro, l'elaborazione di indirizzi e di linee guida in relazione ad aspetti di comune interesse e permette un esame congiunto di temi e quesiti connessi all'applicazione del decreto legislativo 26 giugno 2015, n. 105, anche al fine di garantire un'attuazione coordinata e omogenea delle nuove norme e di prevenire situazioni di inadempimento e le relative conseguenze.
Il ruolo di segreteria tecnica del Coordinamento è svolto dall’ISPRA.