Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

Sicurezza stradale, un concorso mostra che i segnali stradali in Italia sono vecchi e irregolari

Il concorso ScattailSegnale promosso e realizzato da Assosegnaletica e Konsumer Italia, nel contesto di una più ampia collaborazione per la sicurezza stradale, mostra segnali stradali vetusti o non a norma. Le associazioni denunciano che in Italia il 60% della segnaletica risulta irregolare.

Devolvi il tuo 5 x mille ad Associazione Ambiente e Lavoro Internazionale ONLUS
Al concorso #Scattailsegnale sono già arrivate oltre 400 fotografie. E quasi tutte dimostrano la vetustà dei segnali stradali, quando non ci siano casi di uso improprio. Se la sicurezza stradale passa anche dalla correttezza e dalla leggibilità della segnaletica stradale, il fatto che circa il 60% non sia a norma non può che destare preoccupazione.

Oltre il 60% dei segnali stradali infatti, denuncia Konsumer Italia, non è a norma a causa di atti vandalici, per vetustà, per la perdita delle caratteristiche minime di rifrangenza, per impaginazione o grafica, per il posizionamento dei segnali che diventano un fattore di distrazione o una fonte di pericolo. È proprio per sensibilizzare su questo tema che lo scorso giugno Konsumer Italia, insieme ad Assosegnaletica, federata Anima Confindustria, ha lanciato il concorso fotografico e la campagna #Scattailsegnale.

A un mese dal lancio, i risultati sono buoni. «Siamo molto soddisfatti dei risultati raggiunti – ha detto Fabrizio Premuti, presidente Konsumer Italia – la partecipazione del pubblico alla nostra iniziativa ci conferma che le persone sentono il bisogno di essere tutelate e di contribuire ad una causa comune, che è la sicurezza stradale, mettendoci del proprio».

«Ricordiamo, infatti, che circa il 60% della segnaletica stradale non è a norma – sostiene Paolo Mazzoni, responsabile relazioni istituzionali di Assosegnaletica – e che, secondo gli ultimi dati ISTAT, la gran parte degli incidenti stradali è causata da distrazione del conducente. È ovvio che la distrazione sia da attribuirsi innanzitutto all’uso improprio degli smartphone al volante, ma sicuramente è anche figlia della mancanza di chiarezza della segnaletica stradale, e le foto che ci arrivano dagli utenti ne sono una prova incontrovertibile».