Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

Sistema di allarme rapido, pubblicato il rapporto 2019 sui prodotti pericolosi segnalati in Europa

Dal 2003, il sistema di allarme rapido garantisce che le informazioni sui prodotti ritirati dal mercato e/o richiamati in qualsiasi parte d'Europa vengano diffuse rapidamente tra gli Stati membri. Le azioni di follow-up a seguito di segnalazioni su prodotti pericolosi sono aumentate significativamente nel 2019.

Dossier Ambiente n. 123
La Commissione europea, il 7 luglio 2020, ha pubblicato la sua ultima relazione sul sistema per prevenire o limitare la vendita di prodotti pericolosi sul mercato, il cosiddetto "sistema di allarme rapido". Il rapporto mostra che il numero di azioni intraprese dalle autorità a seguito di una segnalazione sta crescendo di anno in anno, raggiungendo i 4.477 nel 2019 rispetto ai 4.050 nel 2018.

Nel 2019, le autorità di 31 paesi partecipanti al sistema di allarme rapido (Stati membri dell'UE più Regno Unito, Norvegia, Islanda e Liechtenstein) hanno scambiato 2.243 segnalazioni di prodotti pericolosi attraverso il sistema, il che ha provocato 4.477 azioni di follow-up. Ciò rappresenta un aumento del 10% rispetto allo scorso anno e del 63% dal 2015. Le azioni intraprese vanno dal ritiro o dalla distruzione di un prodotto da parte di distributori e rivenditori prima che raggiungano i consumatori, al richiamo di prodotti non sicuri dagli utenti.

Secondo la relazione odierna, i giocattoli erano la categoria di prodotti più notificata (29% delle notifiche totali), seguita dai veicoli a motore (23%) e dagli apparecchi e attrezzature elettrici (8%). Anche i cosmetici, l'abbigliamento, i tessuti e gli articoli di moda, nonché gli articoli per l'infanzia e le attrezzature per bambini hanno ricevuto un numero elevato di allarmi.

I rischi più notificati si riferiscono a un prodotto che causa lesioni (27%) come fratture o commozioni cerebrali. I componenti chimici nei prodotti erano la seconda preoccupazione più frequentemente segnalata (23%), seguita dai rischi di soffocamento per i bambini (13%).

Sebbene non sia coperto dal rapporto del 2019, una serie di nuovi avvisi sono stati registrati dall'inizio dell'epidemia di coronavirus. Fino al 1° luglio, ci sono stati 63 avvisi su maschere facciali, 3 avvisi su tute, 3 avvisi su disinfettanti per le mani e 3 avvisi su lampade UV ("bacchette igienizzanti"). Tra il 1° marzo e il 1° luglio sono state intraprese 10 azioni di follow-up sulle maschere per il viso e una su un disinfettante per le mani, portando a un'ulteriore armonizzazione delle misure contro tali prodotti e migliorando così la protezione dei consumatori in tutta Europa.