Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

Specifica tecnica UNI/TS 11690, definizione e valutazione del fattore di visibilità di oggetti in impianti di illuminazione stradale

Pubblicata dalla Commissione tecnica Luce e illuminazione la specifica tecnica UNI/TS 11690:2017 “Illuminazione stradale - Definizione e valutazione del fattore di visibilità di oggetti (FVO) in impianti di illuminazione stradale realizzati secondo la UNI 11248”.

È chiaro per tutti quanto sia importante poter viaggiare soprattutto nelle ore notturne o del crepuscolo su di una strada sicura e quindi anche ben illuminata dove serve. L’illuminazione stradale è di fatto un elemento essenziale per la sicurezza della circolazione dei veicoli.

La Commissione tecnica Luce e illuminazione ha elaborato la specifica tecnica UNI/TS 11690 che affronta proprio questo tema.

La UNI/TS 11690:2017 “Illuminazione stradale - Definizione e valutazione del fattore di visibilità di oggetti (FVO) in impianti di illuminazione stradale realizzati secondo la UNI 11248” definisce le condizioni di applicabilità e l'algoritmo di calcolo del FVO (Fattore di Visibilità degli Oggetti), parametro avente lo scopo di definire la condizione di visibilità di oggetti presenti sulla carreggiata.

La specifica tecnica si applica, nell’ambito della progettazione di impianti di illuminazione stradale, esclusivamente nel caso in cui si adottino, secondo la UNI 11248 “Illuminazione stradale - Selezione delle categorie illuminotecniche”, le categorie illuminotecniche di tipo M (traffico motorizzato). Inoltre, l’FVO ha significato esclusivamente per le condizioni di visione degli utenti alla guida di un veicolo.

In particolare la UNI 11690 permette il confronto tra impianti di uguale categoria illuminotecnica, al fine di valutare quello che produce le condizioni di visione maggiormente adatte al rilevamento di oggetti presenti sulla carreggiata per contrasto di luminanza.

Fonte: UNI