Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

Strumenti di formazione "Il monologo" di Renata Borgato

Pubblichiamo l'approfondimento Strumenti di formazione "Il monologo" di Renata Borgato.

Strumenti di formazione
Il monologo

La formazione alla sicurezza fa parte del complesso sistema delle misure prevenzionali e per questo occorre inscriverla tra gli interventi ordinari, programmati e ricorrenti nel contesto delle strategie complessive d’impresa.

Nel programmarla occorre tener conto di un’articolata serie di fattori (obiettivi specifici, risorse, vincoli ecc. ecc) e di conseguenza è utile che chi la progetta padroneggi strumenti diversi in modo da scegliere di volta in volta i più adatti alla situazione.

Le modalità di formazione innovative si sono da tempo affiancate ai più tradizionali strumenti e in particolare si è consolidato l’uso del teatro. Esso produce un impatto molto forte per vari motivi. In primo luogo in quanto la rappresentazione teatrale si avvale di una leva preziosa perché le persone si interessino a qualcosa: dà un contesto ai concetti che si vogliono veicolare e gioca la propria efficacia sul piano estetico, su quello dell'incisività e soprattutto su quello della pregnanza emotiva. Il teatro permette infatti di caricare emotivamente le informazioni. Gli spettatori sono portati ad ascoltare: perché vengono presi dalla narrazione; perché “mi stanno sorprendendo”; perché viene stimolata la loro curiosità, perché si divertono. E imparano attraverso le esperienze dei personaggi, unite alla possibilità di comprenderle (vicarious learning).

Per leggere l'articolo completo di Renata Borgato andare al primo link.