Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

SUVA pubblica il rapporto annuale ESTI sugli infortuni di natura elettrica e rilancia il progetto "Elettricità sicura"

Gli infortuni legati all’elettricità dichiarati dall’ESTI nel 2016 sono leggermente aumentati rispetto all’anno precedente in quanto sono stati notificati anche gli infortuni di modesta entità. La campagna "Elettricità sicura" della SUVA ha comportato un’inversione di tendenza per gli infortuni e mortali.

Dossier 114
Lo scorso anno l'ESTI, l'autorità svizzera di sorveglianza e di controllo per gli impianti elettrici, ha registrato 521 infortuni legati all'elettricità. Il rapporto annuale 2016 mette in evidenza che rispetto all'anno precedente il numero di infortuni è rimasto pressoché invariato (522 casi). Il numero degli infortuni segnalati è però aumentato negli anni scorsi, in quanto sono stati notificati anche gli infortuni di modesta entità. Invece, secondo l'ESTI sono in diminuzione gli infortuni gravi e il dato positivo è che nel 2016 non si sono registrati infortuni mortali.

I pericoli dovuti all'elettricità vengono spesso sottovalutati e alla fine succede che ci si infortuna a causa di apparecchi o installazioni difettosi, fili e cavi scoperti o non isolati. Non solo: un'altra causa di infortunio è il mancato rispetto delle regole vitali da parte degli elettricisti. In circa la metà dei casi (46 per cento) si sarebbe potuto evitare un infortunio lavorando in assenza di tensione, come previsto dalle 5 regole di sicurezza. Il dato più clamoroso è che spesso, prima di intervenire su un apparecchio o un impianto, non si verifica se si trova sotto tensione.

Visti questi risultati, gli sforzi a livello di prevenzione sono ancora più necessari, sottolinea Armin Zimmermann, responsabile del progetto "Elettricità sicura" della SUVA. Al centro dell'opera di prevenzione ci sono le "5 + 5 regole vitali per chi lavora con l'elettricità". Se non si rispettano, si rischia grosso, anche la vita, dichiara Zimmermann. Infatti, "il rischio di perdere la vita in un infortunio elettrico è 50 volte più alto rispetto agli altri infortuni" afferma il responsabile del progetto. Ecco perché in questi casi i superiori e i dipendenti devono sospendere i lavori.

Stando al rapporto dell'ESTI uno dei motivi per cui non si rispettano le regole vitali è la mancanza di tempo sul lavoro e una scarsa organizzazione. In molti casi non è stato designato un responsabile per la sicurezza o chi lavora non sa chi è. Per questo motivo si tende a operare senza misure di sicurezza in presenza di tensione. Inoltre, si nota che la maggior parte delle vittime non è qualificata o è in fase di formazione. In questo caso sono i superiori che devono assumersi le loro responsabilità come dirigenti, conclude l'ESTI. In linea generale, bisogna applicare sempre tutte le regole, anche quando i ritmi di lavoro sono intensi.

Fonte: SUVA