Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

SUVA, prevenzione del rischio di infortunio durante il lavoro a turni

Se si lavora a turni il rischio di infortuni ed errori aumenta in misura notevole. Quali sono le ragioni di questo aumento e com'è possibile intervenire? Un articolo pubblicato dalla SUVA spiega come prevenire il rischio di infortunio durante il lavoro a turni.

Devolvi il tuo 5 x mille ad Associazione Ambiente e Lavoro Internazionale ONLUS
In caso di lavoro notturno e a turni il rischio di infortuni ed errori è notevolmente superiore, in quanto chi lavora a turni irregolari, a volte anche di notte, è spesso esausto. Il continuo cambiamento degli orari di lavoro diurni e notturni ha l'effetto di un piccolo jet lag. "Per una persona sovraffaticata il rischio di infortunio sul lavoro e nel tempo libero è il doppio rispetto a chi ha riposato bene" afferma Reto Etterli, specialista in prevenzione della Suva. Inoltre, il rischio di subire un infortunio tornando a casa dopo il lavoro è particolarmente elevato. "Ad esempio, se si torna a casa stanchi dopo il turno di notte, il rischio di infortunio aumenta di sette-otto volte".

Diverse ragioni portano al sovraffaticamento durante il lavoro a turni. Lavorando di notte si va contro il proprio "orologio interno": il cosiddetto ritmo circadiano viene disturbato. Ciò significa che il ritmo biologico sonno-veglia viene stravolto e si è costretti a lavorare quando gli ormoni mettono il corpo in uno stato di inattività, e viceversa. Inoltre, si rileva un peggioramento nella qualità del sonno se quest'ultimo viene posticipato o si svolge in modo irregolare.
Il lavoro a turni porta spesso anche a mangiare in modo meno sano, in quanto gli orari dei pasti sono irregolari, durante la notte si opta perlopiù per snack freddi e malsani e si consumano bevande dolci contenenti caffeina o caffè. Il risultato di questo stile di vita è un peggioramento del sonno.

In azienda è possibile ottimizzare il lavoro a turni per ridurre il rischio di infortuni ed errori apportando piccole modifiche alla pianificazione e all'ambiente di lavoro:
- Evitare troppi cambiamenti dei diversi turni (ad es. mattino, pomeriggio, notte in successione).
- Evitare il lavoro a turni per più di cinque giorni di seguito e concedere almeno due giorni liberi consecutivi dopo il lavoro a turni.
- Anticipare la fine del turno di notte. Infatti, andare a dormire quando è ancora buio favorisce la qualità del sonno.
- Limitare la durata del turno a un massimo di otto ore.
- Consentire ai collaboratori la possibilità di effettuare pause regolari e fornire loro pasti caldi.
- Prendersi cura dei propri collaboratori, ad esempio, introducendo misure preventive e controlli medici regolari.

Fonte: SUVA