Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

Un accordo Ministero dell'ambiente e UNESCO per la prima "Rete internazionale di esperti ambientali"

L'intesa avvia il nuovo programma "Unesco International Environmental Experts Network" a sostegno di aree protette e territori riconosciuti sul piano mondiale per gli elevati valori naturalistici e lancia la prima "Rete internazionale di esperti ambientali" per far lavorare insieme, in ogni regione continentale, biologi, geologi, forestali, naturalisti, educatori e formatori, manager di parchi e aree naturali protette, autorità locali, ONG e portatori d’interesse.

Siglata, l'1 dicembre in videoconferenza dal Ministro dell’ambiente Sergio Costa e la Direttrice generale dell’Unesco Audrey Azoulay, l'intesa tra il ministero dell’Ambiente e l’Unesco per avviare il nuovo programma “Unesco International Environmental Experts Network” a sostegno di aree protette e territori riconosciuti sul piano mondiale per gli elevati valori naturalistici.

Con la firma dell’accordo viene lanciata la prima “Rete internazionale di esperti ambientali” a favore di siti patrimonio mondiale, “Intangible heritage”, riserve della biosfera e geoparchi Unesco, che sarà impegnata ad aiutare sul campo enti gestori e tecnici in azioni di conservazione, gestione, formazione ed educazione ambientale.

Aperto a tutti gli Stati come potenziali donatori, il nuovo programma Unesco promosso dall’Italia intende offrire soluzioni concrete e progetti da avviare in ogni regione continentale per far lavorare insieme biologi, geologi, forestali, naturalisti, educatori e formatori, manager di parchi e aree naturali protette, autorità locali, ONG, portatori d’interesse e così via. Ad oggi l’Unesco ha riconosciuto 252 siti Patrimonio Mondiale per criteri naturali in oltre 100 paesi, 161 geoparchi in 44 paesi, 714 riserve della biosfera in 129 paesi – di cui 21 siti a carattere transfrontaliero – oltre a diversi elementi del cd patrimonio immateriale riconosciuti in aree protette e parchi nazionali.

L’iniziativa nasce da un comune disegno avviato dal ministro Costa e dalla direttrice Azoulay due anni fa, i cosiddetti “caschi verdi”, e in seguito condiviso con il ministero degli Affari esteri e la Commissione nazionale italiana per l’Unesco. Dopo una prima sperimentazione, avviata in Italia anche grazie con il supporto tecnico-scientifico di ISPRA, il “Decreto Clima” approvato nel dicembre 2019 dal Parlamento Italiano decise la creazione del programma sperimentale “Caschi verdi per l’ambiente” per realizzare iniziative di collaborazione internazionale a tutela e salvaguardia ambientale e di contrastare gli effetti derivanti dai cambiamenti climatici in aree di pregio naturalistico riconosciute dall’Unesco.

Gli “Environmental Experts” verranno selezionati dall’Unesco con apposite “call” per raccogliere il migliore expertise mondiale su tutela, gestione valorizzazione delle aree protette, ed interverranno per assicurare un qualificato supporto tecnico in materia di conservazione e salvaguardia degli ecosistemi e della biodiversità, mitigazione e adattamento agli effetti dei cambiamenti climatici, formazione, educazione e divulgazione ambientale a favore di giovani e comunità.

In questa prospettiva, la Rete di Esperti Ambientali si inserisce pienamente nel mandato istituzionale Unesco, quello di costruire un futuro di pace e di reciproco rispetto facendo leva sul dialogo tecnico scientifico e sulla partecipazione.

L’iniziativa sarà presentata in occasione del prossimo del G20 che l’Italia presiederà nel 2021 come strumento operativo avviato in quei territori di eccellenza che da quasi 50 anni l’Unesco seleziona attraverso severi meccanismi e sistemi di valutazione.