Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

Un master interdisciplinare all’Università Statale di Milano per affrontare il cambiamento climatico

L’Università Statale di Milano propone un nuovo percorso, frutto di una global partnership, che affronta le questioni del cambiamento climatico dando priorità all’approccio interdisciplinare con attenzione speciale agli aspetti politici, giuridici, sociali ed economici.

Devolvi il tuo 5 x mille ad Associazione Ambiente e Lavoro Internazionale ONLUS
Il master in Interdisciplinary Approaches to Climate Change (IACC), interamente in inglese, è un master di II livello interdisciplinare sul cambiamento climatico, istituito dall’Università degli Studi di Milano in global partnership con università e centri di ricerca internazionali.

Il programma è articolato in diverse aree di studio ed approfondimento: dall’etica e geopolitica del cambiamento climatico alle politiche pubbliche, alla disciplina giuridica del cambiamento climatico alle strategic litigation e alla tutela dei diritti; dagli aspetti di macro e microeconomia, alla politica fiscale e monetaria; dagli Sustainable Development goals ai comportamenti del consumatore; dalla urban resilience agli aspetti di gestione territoriale, energetica e di geoingegneria.

Un master sul cambiamento climatico oggi si rivela strategico perché molti posti di lavoro nei prossimi anni, richiederanno green skills, quelle competenze cioè che permettono di progettare un futuro attento al consumo delle risorse, agli impatti ambientali, all’inquinamento e alla qualità della vita. In particolare, il cambiamento climatico influenza sempre di più i modelli di business e la forza lavoro.

Il master si rivolge a giuristi, scienziati, tecnici, ricercatori, pubblici e privati, che intendano acquisire competenze interdisciplinari declinabili nei loro settori di appartenenza.

Ci sarà un percorso selettivo, che permetterà di scegliere 25 candidati per questa prima edizione del master. Il Master si svolgerà da aprile a dicembre 2020 con 500 ore di lezione, concentrate prevalentemente il venerdì pomeriggio e il sabato, mentre alcuni moduli saranno erogati con la modalità e-learning, in modo da consentire la partecipazione agli studenti lavoratori.

Ciascuno studente, per conseguire il titolo di studio, sarà supportato dal corpo docente nella stesura di un elaborato finale, di carattere teorico e pratico, che verrà discusso davanti al board internazionale.

Sono previsti stages per un ammontare complessivo di 150 ore, in parallelo alle lezioni, che consentiranno agli iscritti di collaborare con realtà, private e pubbliche, di alto profilo.

Il Master offre ai corsisti la possibilità di sviluppare conoscenze altamente qualificate, in un contesto internazionale e strettamente collegato alle realtà istituzionali e imprenditoriali locali e nazionali, che operano quotidianamente in settori cruciali per la lotta al climate change.

Alcuni dei possibili sbocchi lavorativi possono essere: resilient consultant; sustainability, inclusion, diversity and equality manager; HSE manager; circular economy consultant; food and agricultural policies advisor; corporate governance and sustainability specialist; renewable energy strategist; energy & trading manager; environment and climate change specialist; sustainable urban planner engineer or architect; environmental litigator; researcher.

Il termine ultimo per presentare domanda di iscrizione è quello del 10 marzo 2020.