Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

WWF, pubblicato il Living Planet Report del 2020

Il "Living Planet Report 2020" del WWF indica in media un declino di due terzi delle popolazioni di fauna selvatica dal 1970.

Dossier Ambiente n. 123
Le popolazioni globali di mammiferi, uccelli, anfibi, rettili e pesci hanno subito un calo medio di due terzi in meno di mezzo secolo a causa in gran parte della stessa distruzione ambientale che sta contribuendo alla comparsa di malattie zoonotiche come COVID- 19, secondo il Living Planet Report 2020 del WWF recentemente pubblicato.

Il Living Planet Index (LPI), fornito dalla Zoological Society of London (ZSL), mostra che i fattori ritenuti in grado di aumentare la vulnerabilità del pianeta alle pandemie, inclusi i cambiamenti nell'uso del suolo e l'uso e il commercio di fauna selvatica, sono stati anche alcuni dei fattori trainanti del calo medio del 68% delle popolazioni di specie di vertebrati globali tra il 1970 e il 2016.

"Il Living Planet Report 2020 sottolinea come la crescente distruzione della natura da parte dell'umanità stia avendo impatti catastrofici non solo sulle popolazioni di fauna selvatica, ma anche sulla salute umana e su tutti gli aspetti della nostra vita", ha affermato Marco Lambertini, Direttore Generale WWF International, presentando il rapporto.

"Non possiamo ignorare le prove: questo grave calo delle popolazioni di specie selvatiche è un indicatore che la natura si sta svelando e che il nostro pianeta sta mostrando segnali di allarme rosso di "guasto dei sistemi". Dal pesce nei nostri oceani e nei nostri fiumi, alle api che svolgono un ruolo cruciale nella nostra produzione agricola, il declino della fauna selvatica influisce direttamente sulla nutrizione, sulla sicurezza alimentare e sui mezzi di sussistenza di miliardi di persone ".

Ha quindi aggiunto: "Nel mezzo di una pandemia globale, è ora più importante che mai intraprendere un'azione globale coordinata e senza precedenti per arrestare e iniziare a invertire la perdita di biodiversità e di popolazioni di fauna selvatica in tutto il mondo entro la fine del decennio, e proteggere la nostra salute e il nostro sostentamento futuri. La nostra stessa sopravvivenza dipende sempre più da questo ".

Il Living Planet Report 2020 presenta una panoramica completa dello stato del nostro mondo naturale attraverso l'LPI, che tiene traccia delle tendenze nell'abbondanza di fauna selvatica globale e contributi di oltre 125 esperti di tutto il mondo. Mostra che la causa principale del drammatico declino delle popolazioni di specie sulla terra osservata nell'LPI è la perdita e il degrado dell'habitat, inclusa la deforestazione, determinata dal modo in cui noi come umanità produciamo cibo.

L'LPI, che ha monitorato quasi 21.000 popolazioni di oltre 4.000 specie di vertebrati tra il 1970 e il 2016, mostra anche che le popolazioni di fauna selvatica che si trovano negli habitat di acqua dolce hanno subito un calo dell'84%, il calo medio della popolazione più netto in qualsiasi bioma, equivalente al 4 per cento all'anno dal 1970.

"Il Living Planet Index è una delle misurazioni più complete della biodiversità globale", ha affermato il dott. Andrew Terry, direttore della conservazione di ZSL. “Un calo medio del 68% negli ultimi 50 anni è catastrofico e una chiara prova del danno che l'attività umana sta arrecando al mondo naturale. Se non cambia nulla, le popolazioni continueranno senza dubbio a diminuire, portando la fauna selvatica all'estinzione e minacciando l'integrità degli ecosistemi da cui tutti dipendiamo. Ma sappiamo anche che le opere di conservazione e le specie possono essere recuperate dal baratro. Con impegno, investimenti e competenza, queste tendenze possono essere invertite ".

Fonte: ARPAT